Siamo prossimi alla conclusione del ciclo di storie cominciato pochi mesi fa, ma prima di avviarci al finale, Fire and Stone si sposta dall’universo di Alien a quello di Predator. Se negli scorsi mesi gli Xenomorfi e gli Ingegneri hanno rappresentato la principale minaccia per gli umani, in questo quarto volume gli umani protagonisti saranno delle vere e proprie prede. All’inseguimento, però, ci sono i migliori cacciatori dell’Universo.

Il genere fantascientifico è da sempre apprezzato non solo per le sue caratteristiche più riconoscibili, ma anche perché al suo interno è possibile iniettare tanti altri generi diversi, ricontestualizzandoli con lo spazio o con il futuro o con qualsiasi altra ambientazione. In questo quinto capitolo del mensile saldaPress Aliens, troviamo proprio una di quelle “iniezioni”: a bordo dell’Europa arrivano i pirati.

Quando qualcosa ci piace particolarmente, stranamente, può risultare più difficile convincere gli altri della sua qualità. Solitamente non si riesce ad essere imparziali nel giudicarla e si finisce col passare per dei fanatici che non riescono a vedere i difetti di ciò che si apprezza. Nailbiter è la serie che proprio non mi riesce di recensire in maniera imparziale: se non la seguite, vi state perdendo uno dei migliori fumetti della vostra vita.

Eh, chi sono?

Sponsorizzata

Continua l’epopea a fumetti targata Alien con un nuovo numero che è anche un nuovo inizio per la serie made in Dark Horse, edita in Italia da saldaPress. C’eravamo lasciati un mese fa con un gran bel cliffhanger e ritorniamo proprio là dove si era interrotta la narrazione.

Quando ci si approccia ad un fumetto, spesso, si cerca un intrattenimento nudo e crudo, soprattutto se pensiamo ai grandi personaggi d’oltreoceano. Altrettanto spesso, però, tra le pagine di un fumetto si può scoprire un mondo caotico e viscerale, fatto di apparati di pensiero, di critica sociale e di riflessioni sulla modernità. Il caso più recente in cui mi sono imbattuto è quello di Malloy, ultima opera di Marco Taddei (alla penna) e Simone Angelini (alla matita), edito in Italia da Panini 9L

Gente, io la prendo proprio alla larga eh.

I legami che uniscono la realtà sono qualcosa che da sempre causa interrogativi all’umanità: filosofi, scienziati e webeti si arrovellano per risolvere i misteri della metafisica, delle particelle subatomiche o della Terra piatta. Ma solo Dirk Gently è in grado di sfruttare le misteriose interconnessioni tra eventi all’apparenza sconnessi, per risolvere i propri casi (forse in modo ancora più sconnesso).

Col terzo numero del mensile Aliens si conclude il primo arco narrativo diretto da Brian Wood (sceneggiatura) e Tristan Jones (disegni). Gli Xenomorfi non sono l’unica minaccia da cui Zula e Davis devono scappare e le disattenzioni si pagano care, nello spazio profondo.

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via