Wonder Woman, emblema della potenza e della forza fatta donna, è probabilmente uno degli eroi femminili più famosi al mondo (e in più ognuna di noi si vorrebbe svegliare nei suoi panni la mattina...NdA). Dopo Batman e Superman, è arrivato il turno della Principessa delle Amazzoni per completare la "Trinità". Quanto sapete su di lei? La conoscete davvero o vi è sfuggito qualche dettaglio della sua vita fumettistica? 

Per rispondere a ogni vostro dubbio, ecco a voi le 10 cose che (forse) non sapevi su Wonder Woman:

 

1) La mia dolce metà

William Moulton Marston, nel 1941, ha ben pensato di creare un nuovo supereroe, ma questa volta donna, perché il mondo eroistico era troppo popolato da uomini che trasudavano testosterone. Per creare Diana si ispirò, e si fece anche aiutare, da sua moglie Elizabeth Holloway Marston, docente universitario in un'epoca dove le donne erano relegate in cucina. Quindi ispirato dalla forza, dal coraggio e dalla voglia d'indipendenza della moglie, Marston creò Wonder Woman, emblema per eccelenza del potere femminile in cui tutte le bambine potevano rivedersi e prendere ispirazione per essere quelle che volevano. Il personaggio inzialmente si chiamava "Suprema", era la versione femminile di Superman ma con lazo della verità e bracciali antiproiettili. Per fortuna il suo nome cambiò appena arrivò davanti al direttore Sheldon Mayer. [MOMENTO QUARK] Marston era davvero fissato con la "verità", infatti non fu solo il creatore della nostra Diana ma anche quello della macchina della verità, o meglio di un primo prototipo. 


2) Femminismo che cosa?

Attraverso un sondaggio, nel 1942, fu chiesto ai lettori se Wonder Woman potesse entrare a far parte della Justice Society of America (una pre-Justice League. NdA) di cui facevano parte Hawkman, Starman, Atom, Doctor Fate, Doctor Midnite, Spectre, Johnny Thunder e Sandman; ovviamente, e sorprendetemente, vinse a mani basse e Diana entrò a far parte dei salvatori dell'umanità. C'era un problema però, lo scrittore Gardner Fox aveva reso la nostra Principessa una mera segretaria. Mentre gli uomini combattevano il male per salvare il mondo, come i nazisti, lei doveva stare semplicemnete dietro la scrivania e rispondere al telefono. Marston, che l'aveva creata per dare più potere e spazio alle donne nel mondo "maschile" dell'epoca, si infuriò moltissimo. 

 

3) Diana svergognata!

Nel 1941, quando apparve Diana per la prima volta agli occhi del pubblico, il costume le lasciava la schiena scoperta e i genitori, preoccupati che ciò potesse turbare i loro figlioletti indifesi, si lamentarono e cosntrinsero gli autori a modificarle il costume in modo che coprissero il più possibile quel pezzo di pelle e la disegnassero quasi eslussivamente di fronte. Intervenne anche il Code Authority Comics, l'organo di censura del fumetto americano. Comunque parlando seriamente degli outfit di Wonder Woman, a volte è stata davvero sfigata con gli abiti che le hanno fatto indossare e ne parlai già qui: "I peggiori outfit di Wonder Woman".


4) Ha un padre...altro che argilla!

Tutti voi conoscete il mito della nascita di Wonder Woman: "Ippolita, che non poteva avere figli, pregò la dea Athena di farle dono di una bambina. La dea commossa da tale desiderio materno, guidò la Regina delle Amazzoni nel realizzare una piccola statua di argilla a cui poi diede vita. Ippolita ha così avuto la sua meravigliosa bambina, Diana". Quindi, in perfetto stile epico all'Omero, Wonder Woman ha la sua nascita da poema. Però Ippolita non è stata del tutto sincera. In realtà la Regina poteva avere figli e di chi si innamorò? Bravi, proprio di lui, il padre di quasi tutti figli delle donne greche, Zeus! Nei New 52Azzarello riscrive la nascita della Principessa delle Amazzoni, Diana è ora una semidea cazzuta. [MOMENTO SPOILER] Questa scelta è stata anche ripresa nella nuova pellicola "Batman V Superman: Dawn of Justice".

 

5) Ciao Mamma, da Earth-two!

Diana ha una figlia, non da Superman tranquilli, ma da uno dei suoi primi e grandi amori, Steve Trevor, e non ce l'ha nel nostro universo (o meglio Terra-0), ma in uno dei millemile mondi alternativi, Terra-2. Il suo nome è: Hippolyta "Lyta" Trevor aka Fury. La bella biondina ha eredito il colore dei capelli del padre e tutti i poteri fighi della madre. Compare per la prima volta in "Wonder Woman (Vol. 1)" #300 e ha una storia assurda e complicata come solo i personaggi della golden age, che vivono in mondi paralleli, hanno (va a finire anche nel mondo di Sandman e questo vi fa capire tutto! NdA). Per qualsiasi altra curiosità in merito, vi rimando al santo sito delle mille informazioni wikipedia: qui!

 

6) E' giovanne? Vecchia? Milf?

C'è una domanda che mi frulla in testa da tantissimo tempo: "ma quanti anni ha Wonder Woman?". Non scherzo, gli anni dei supereroi sono il mio pallino più grande, mi faccio calcoli su calcoli per sapere la loro età, però a volte è davvero difficile scoprirlo. L'età di Diana, per esempio, è un'ossessione che ho da quando sono ragazzina, perché fondamentalmente io l'ho sempre vista "grande". Quel tipo di "grande" superati i trenta, per capirci, che purtroppo ora è la mia fascia d'età. Ma torniamo al discorso dei suoi anni. Dopo vari calcoli e tantissime ricerche, ho scoperto che l'attuale età di Wonder Woman è 23 anni, avete letto bene, 23! Una giovincella. Almeno, questa è l'età ufficiale nei New 52, quindi dell'attuale universo fumettistico. I suoi anni prima del reboot rimangano un mistero, almeno per me, se avete info salvate il mio cervello da questa domanda. In ogni caso ho capito una cosa: qui invecchiamo solo noi, mentre i nostri eroi ringiovaniscono (che mondo crudele! NdA).

 

7) Alla fine, quanto è alta?

Grazie a una sana alimentazione e a tutto il movimento che fa per salvare il mondo, Diana nella sua carriera da supereroe è cresciuta, ma si è anche abbassata, insomma era confusa. Nel 1941 Wonder Woman era alta 5'11'' piedi, ovvero 155 cm (non era poi tutta quest'ammazzone di donna! NdA); poi successivamente, per un po' di anni, ha superato il caro Clark raggiungendo i 6'3'' piedi (192 cm); all'improvviso si è abbassata nuovamente rimanendo però mediamente alta, 5'8'' piedi (176 cm). Ora, nei New 52, si è finalmente deciso di darle un'altezza finale riconosciuta a livello mondiale, 6'0'' piedi (182,88 cm che per eccesso arrotondiamo a 183 cm). Dopo anni di confusione, finalmente Diana ha una certa altezza di cui si può vantare.

 

8) Benvenuti a WonderDome

Diana ha la passione per le cose invisibili. Dopo il suo aereo, che ha come unica utilità quello di nasconderla agli occhi dei nemici mentre lo guida (che poi neanche quello e a conti fatti Wonder Woman vola molto più veloce del suo mezzo, quindi è completamente inutile. NdA), ecco che la donna ha la sua "Fortezza della Solitudine" privata e ovviamente invisibile: WonderDome. Che poi volete sapere in realtà cos'è? Il suo aereo che cambia forma (perché fondamentalmente la Principessa è un po' tirchia  e quindi recicla quel che già possiede. NdA).

 

9) Wonder Woman for President!

Ebbene sì, anche la Principessa delle Amazzoni si è cadidata per diventare il Presidente degli Stati Uniti d'America, e non una ma ben due volte (altro che Hillary Clinton! NdA). La prima volta corse per la presidenza nel 1943, in una delle prime storie scritte da William Marston, la seconda volta, invece, fu nel 1972 sulla cover di Ms. Magazine, giornale americano di stampo femminista liberale. Purtroppo perse in entrambe le occasioni, ma sicuramente quest'anno ce la farà! Ah, non si è candidata? Vabbè, la prossima volta e io voterò per lei! 
[MOMENTO CURIOSITA'] La cover del 1972 di Ms. Magazine fu disegnata da Murphy Anderson, per i 40 anni della rivista hanno voluto riproporre la stessa cover ma disegnata questa volta da Michael e Laura Allred, potete vederla nella gallary.


10) Assassina!

Durante il maxi-evento "Crisi Infinita" sono succese tantissime cose che hanno sconvolto la mente dei lettori per anni. In particolare, nella one-shots "Countdown a Crisi Infinita - Il Progetto Omac", Wonder Woman per liberare Superman dal controllo di Maxwell Lord, spezzò il collo a quest'ultimo in mondo visione, perdendo così la propria reputazione. Non solo, per fermare Clark che la credeva Doomsday, Diana lanciò la sua tiara e gli recise la gola. Insomma, di tutto e di più. Per sapere maggiori dettagli sull'evento, vi rimando al nostro countdown: "I 12 Momenti Indimenticabili della Dc Comics".

 

Spero che questo nuovo articolo vi sia stato utile per conoscere ancora meglio la Principessa delle Amazzoni, anzi se avete notizie in più su di lei, condividetele con noi nei commenti!
Per ora è tutto, ci rileggiamo nel prossimo "10 Cose che (forse) non sapevi su...". 
(Se volete conoscere di più uno dei vostri eroi preferiti e volete notizie, curiosità su di lui/lei, fatecelo sapere e noi prepareremo un articolo su esso/essa). 

e beh penso che in quello di freccia verde una menzione particolare va al fatto che uno dei primi fumetti a usare a proprio vantaggio la recente caduta del comic code authority fu proprio un numero di freccia verde in cui oliver scoprì che speedy si drogava

#5

Diciamo che sarà proprio un punto chiave il fatto di Roy che si droga! E' comunque il primo sidekick di un eroe che diventa un tossicodipendente, merita proprio un articolo a sé!

#6

Ma la "rilegatura" delle donne in cucine era figlia della tradizione di certi fumetti dell'epoca di usare il gentil sesso come "vittima" da legare (dai pali ai binari), magari un po' discinta, pronta per essere salvata dall'eroe di turno ?

#7

Sorry, a volte facciamo errori anche noi e nonostante leggiamo e rileggiamo l'articolo aggiungendo e togliendo lettere sbagliate, cambiando parole con altre, qualcuna ci sfugge sempre. Dovevi leggerlo prima che lo postassi...ti garantisco che la "i" al posta della "e" è il male minore! XD


Visualizza Altro
#8

Figurati, e facciamo tutti, persino io in quello che ho scritto ahahah, ma era troppo "buffo" per lasciarmelo sfuggire soprattutto per un'eroina con il lazo.

#9
Inserisci Commento

ilbardelfumetto

Benvenuto nel SocialNERDWork dedicato al mondo dei Comics, Manga, Cinema e Serie TV. Fai sentire la tua voce, registrati.

Connettiti via